News

dic 11th

Petito una cucina che racconta le storie della tradizione

Posted by with No Comments

LEGGI TUTTO L’ARTICOLO

Io scrittore francese François Rabelais ci ha regalato il più bel romanzo co- mico del cinquecento: le vicende esilaranti di Gargantua e Pantagruel, due giganti che stupiscono ancora oggi i lettori per la taglia enorme, l’appetito formidabile e le incredibili imprese.

Forse non tutti sanno che da questo romanzo deriva la parola italiana pan- tagruelico, un aggettivo dedicato proprio a descrivere un grande appetito e un pasto ricco ed invitante.
Ecco, mentre scriviamo del ristorante ‘Petito di Forlì ci ritorna alla mente questo bellissimo romanzo di Rabelais e la passione per il buon cibo dei suoi protagonisti, e non solo perché il nome della trattoria rappresenta la contra- zione dell’augurio buon appetito, ma soprattutto per l’attenzione minuziosa per le materie prime e la devozione nella cura dei piatti.

La trattoria ‘Petito segue a pieno la filosofia Slow Food per la quale la gastro- nomia raccoglie in sé la totalità e la complessità del mondo del cibo, coin- volgendo le nostre vite in un intreccio di saperi e sapori che non riguardano esclusivamente ciò che mangiamo, ma anche l’ecologia, l’etica, la tradizione ed il rispetto per il territorio.

Proprio dal rispetto del territorio e della tradizione nasce la cucina di ‘Petito, con una ricca selezione di Presidi Slow Food e di altre eccellenze italiane.

Nella selezione delle materie prime, una grande importanza viene attribuita alla stagionalità, per assecondare i cicli annuali e disporre sempre di ingre- dienti freschi, genuini e dal sapore eccellente.

Le materie prime ed i metodi di lavorazione esprimono tipicità e tradizione: le carni di bovina e mora romagnola, tagliate al coltello per conservarne e mantenerne il sapore originale; la mortadella Bologna; il raviggiolo dell’Ap- penino romagnolo; il formaggio di fossa di Sogliano; la pasta rigorosamente fatta in casa e preparata ogni giorno con farina biologica macinata a pietra e uova di galline allevate a terra; le tagliatelle tirate al mattarello condite con il ragù delle due razze romagnole; l’olio extravergine di oliva di produzione propria, la saba e il sale di Cervia.

‘Petito si è anche recentemente guadagnato il premio Slow Food “locale del buon formaggio” per la modalità con cui vengono selezionati i formaggi, il modo di proporli, e la capacità di collegarli sempre a territorio e stagio- nalità. Anche i più golosi saranno pienamente soddisfatti: zuppa inglese della tradizione, creme brulèe e semifreddo ai pistacchi di Bronte sono solo alcuni dei dessert di produzione propria.

Ottima anche la carta dei vini, tutte le etichette vengono accuratamente selezionate nel territorio emiliano-romagnolo, ad esclusione dei metodi classici e degli champagne.

‘Petito si trova all’interno di una bella palazzina in stile liberty vicino al centro storico di Forlì, un’atmosfera calda, accogliente e curata; la famiglia Zondin (il padre Roberto aiutato in sala dal figlio Andrea e in cucina dalla moglie Tina) gestisce da dieci anni il ristorante con tanta passione e dedizione. La cura per i dettagli, la bella esposizione di vini, i colori caldi delle pareti, le luci soffuse, il servizio attento, tutto qui contribuisce ad offrire agli ospiti una piacevole esperienza multisensoriale.

Nulla è lasciato al caso, anche il Menù non è solo un semplice elenco di piatti, cambia a seconda della stagionalità e racconta abbinamenti, fornitori e provenienza delle materie prime, spiegando la filosofia del ristorante; ecco ad esempio un messaggio del menù per gli ospiti riguardo alla selezione dei vini: I vini della carta, salvo qualche eccezione, sono prodotti del nostro territorio.


Tutte le cantine proposte sono infatti Emiliano-Romagnole in sintonia con la [ filosofia della nostra cucina. Abbiamo inserito, oltre alla scelta della bottiglia
intera, anche quella del vino a calice. Vi diamo quindi la possibilità di
gustare un piatto accompagnato dal vostro vino preferito, senza costringervi all’acquisto dell’intera bottiglia. Perché, a fine pasto, non avere la possibilitàdi portare a casa vostra il vino rimasto? A chi pensa che sia poco elegante, rispondiamo che è invece un peccato lasciare sulla tavola il vino che avete degustato. ’Petito vi invita a farlo! Vi consegneremo volentieri la bottiglia, e potrete così finire la degustazione a casa, senza la spada di Damocle dell’ ETILOMETRO. Vi ringraziamo dell’attenzione e buona degustazione!.È proprio il caso di dirlo allora, la cucina di ‘Petito sa parlare, e non solo al palato, ma anche al cuore.